Il campo e-mail è obbligatorio
Obbligatorio

Probabilità di vincita

PROBABILITÀ DI VINCITA

Per garantire una completa trasparenza e al fine di conformarsi al Decreto Balduzzi 8 novembre 2012, n. 189, LeoVegas.it offre ampia visibilità alle informazioni a consuntivo relative all'ammontare rapportato alla raccolta assegnato in vincite ai giocatori per ciascuna tipologia di gioco. Tali informazioni sono indicate di seguito e consistono nella percentuale media di payout calcolata per ciascun gioco e categoria di gioco durante i mesi precedenti riscontrata sui giochi di LeoVegas.it

GIOCHI A DISTANZA

Giochi di abilità e giochi di carte organizzati in forma di torneo
La percentuale delle somme giocate destinate alle vincite non può essere inferiore all'80%. La probabilità di vincita in un dato torneo è data dal numero di premi diviso il numero di partecipanti (es. in un torneo di 100 persone in cui sono previsti 30 premi, la probabilità di vincita è del 30%).

Giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo (multi-giocatore)
La percentuale delle somme giocate destinate alle vincite non può essere inferiore al 90%. La probabilità di vincita per ciascuna mano di gioco è data da 1 diviso il numero di partecipanti alla mano stessa.

Giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo (contro il banco)
La percentuale delle somme giocate destinate alle vincite non può essere inferiore al 90%.

Giochi di sorte a quota fissa
La percentuale delle somme giocate destinate alle vincite non può essere inferiore al 90%.

CLICCA QUI PER CONSULTARE GLI RTP REALI DEGLI ULTIMI 3 MESI DI GIOCO

Per tutti gli altri giochi valgono le stesse probabilità di vincita previste per i corrispondenti giochi su rete fisica.

SCOMMESSE A QUOTA FISSA

A differenza dei giochi di sorte tradizionali, in cui la probabilità di vincita è nota in partenza, nelle scommesse a quota fissa, è la quota assegnata ad un evento ad esprimere la probabilità che si verifichi quell’evento. La quota è un valore soggettivo, che il concessionario assegna ad ogni evento tramite elaborazioni statistiche, conoscenze, informazioni ecc.

Facciamo l’esempio di una partita di calcio, e sulle quote associate al risultato finale dell’incontro:

Arsenal (1,90) - X (3,40) - Tottenham (4,00)
Tanto è minore la quota proposta su un evento (la vittoria dell’Arsenal ad esempio) tanto è maggiore la probabilità che questo evento si verifichi. Per ottenere la probabilità in percentuale, si deve dividere il fattore 100 per ogni quota (es. 100/1,90 = 52,60), ottenendo questi quozienti:
Arsenal (52,60) - X (29,40) - Tottenham (25,0)

Con un rapido calcolo, è evidente che la somma dei tre quozienti, non faccia 100, ma un valore sempre più grande, che viene chiamato lavagna (o allibramento) e che rappresenta il margine di intermediazione teorico che ogni bookmaker trattiene nella formulazione delle quote, nel nostro caso: lavagna 107,04.

Questo significa che le reali probabilità associate alla vittoria dell’Arsenal, al pareggio e alla vittoria del Tottenham (calcolate al netto della lavagna) saranno ottenute dividendo ulteriormente i quozienti ottenuti per la lavagna calcolata: per esempio la probabilità percentuale della vittoria dell’Arsenal è data dall’equazione: 107,04 : 52,6 = 100 : X da cui ne deriva che X = 49,1%.

Arsenal (49,1%) - X (27,5%) - Tottenham (23,4%) Ne deriva anche che il payout teorico associato all’evento (quello che otterrebbe in vincite lo scommettitore che puntasse su tutti gli esiti possibili dell’incontro, proporzionalmente alle quote) sarebbe il 93,42% (100/lavagna).