Basket: Il tiro da tre – Record e altre informazioni | News & Blog LeoVegas Sport

Basket: Il tiro da tre – Record e altre informazioni

SCOMMESSE BASKET

REGISTRAZIONE

Sommario:

La base del basket moderno è il tiro da tre punti, sia nella NBA sia nel mondo FIBA ed in quello Eurolega. Il tiro da tre presenta infatti vantaggi statistici evidenti, perché porta a meno palle perse (non dovendo dare palla sottocanestro in aree affollate) e ad un maggior numero di rimbalzi offensivi. Inoltre costringe le difese ad allungarsi, per coprire una porzione di campo maggiore, creando quindi spazi anche per differenti strategie di gioco.

Storia del tiro da tre

Dopo varie sperimentazioni, anche nella NCAA, e la sua introduzione nella ABL, lega professionistica di inizio anni Sessanta che ebbe vita brevissima, il tiro da tre punti diventò il marchio di fabbrica della leggendaria ABA, la lega rivale della NBA, dalla sua fondazione nel 1967 fino al fallimento del 1976. L’innovazione piacque alla NBA, che nel 1979 la introdusse anche nel proprio campionato proprio nella stagione in cui ci arrivarono Magic Johnson (poco interessato al tiro da tre) e Larry Bird 8che invece lo sfruttò al massimo), con l’interesse del resto del mondo che avrebbe portato nel 1984 all’adozione del tiro da tre, sia pure da distanza diversa, in tutti i campionati.

Da che distanza si tira da tre

Le distanze da cui si tira da tre sono cambiate più volte nel corso degli anni, ma oggi sono fondamentalmente due. La linea del tiro da tre nella NBA è, nel suo punto più lontano, a 7 metri e 24 centimetri dal ferro, e in quello più vicino, cioè dagli angoli, a 6,71, mentre in tutto il mondo FIBA, ma anche nella WNBA e nella NCAA questo punto è a 6 metri e 75 centimetri dall’anello, con una distanza minima di 6,60. Nella sostanza questo significa che tra NBA e resto del mondo c’è poca differenza per chi tira dagli angoli e molta per chi tira da tre da posizioni frontali rispetto al canestro. Molto più grandi erano le differenze quando nel mondo FIBA la linea da tre punti era posta sempre a 6,25 metri, situazione durata dal 1984 al 2010.

SCOMMESSE SPORTIVE

REGISTRAZIONE

Chi ha il record di tiri da tre all time?

Nella NBA il più grande tiratore da tre di ogni epoca è Steph Curry, arrivato a quota 3.462 canestri da tre su 8.088 tentativi, un clamoroso 42,8% di percentuale. Al secondo posto Ray Allen, con 2.973, davanti a James Harden, 2.768. Poi Reggie Miller, Kyle Korver, Damian Lillard, LeBron James, Vince Carter, Jason Terry e al decimo posto Klay Thompson. Difficile fare questo tipo di classifica nel mondo FIBA ed in generale extra NBA, fatto di competizioni non paragonabili e con statistiche poco omogenee. Di sicuro i più grandi tiratori da tre extra NBA di ogni epoca, unendo quantità e qualità, sono stati Oscar Schmidt e Drazen Petrovic. In particolare Oscar è considerato il più grande realizzatore di tutta la storia della pallacanestro, senza distinguo, con 49.737 punti totali ed il massimo beneficio tratto dal tiro da tre punti ma solo a partire dai suoi 26 anni di età, quando fu introdotto nel mondo FIBA.

Giocatori ancora in attività con più tiri da tre

Il giocatore ancora in attività con più canestri da tre fatti è ovviamente Curry, davanti ad Harden, che è anche il terzo all time a quota 2.768, Lillard (2.421), James (2.293) e Thompson (2.248), ‘gemello’ di Curry agli Warriors. Significativo è il fatto che il decimo dei giocatori in attività, Wesley Matthews (1.825 realizzati) sia il ventiquattresimo all time. Significa che tutte le statistiche recenti sono in un certo senso dopate dallo stile di gioco molto cambiato, visto che da arma della disperazione, come era negli anni Ottanta, o soluzione tattica particolare, come era nei Novanta, il tiro da tre è diventato la base della pallacanestro in tutto il mondo,

SCOMMESSE BASKET

REGISTRAZIONE